Video ricetta PIZZA fatta in casa, cucinata nel forno a legna o a gas ONE

INGREDIENTI per 4 persone

  • Farina 00 – 1Kg
  • Acqua – 650 ml
  • Lievito di birra 4 gr
  • Sale – 25 gr
  • Olio – 25 gr

 

PROCEDIMENTO

  • Versa in una caraffa metà dell’acqua e fai sciogliere il lievito
  • Mettila metà della farina nella planetaria e aggiungi l’acqua con il lievito gradualmente
  • Aggiungi la parte restante della farina
  • Aggiungi il sale nella restante parte d’acqua e mescola fino a farlo sciogliere completamente
  • Quando l’impasto è ben amalgamato, aggiungi l’acqua con il sale e continua a impastare fino al raggiungimento di un impasto soffice e senza grumi
  • Infine aggiungi l’olio e continua a impastare
  • Sposta l’impasto su una spianatoia e forma una palla omogenea
  • Fai lievitare l’impasto circa 12 ore a temperatura ambiente, coperto da un canovaccio.
  • Forma dei panetti da 250 gr e aspetta che raddoppino il loro volume per altre 4 ore.
  • Prendi un panetto e stendilo sulla spianatoia delicatamente con i polpastrelli fino a formare un disco del diametro di 30 cm.
  • Condisci a piacimento e inforna.

 

 

COTTURA

Il forno a legna e quello a gas presentano all’incirca le stesse caratteristiche nella cottura. Portiamo il nostro forno alla massima temperatura, e cuociamo la pizza in 60/90 secondi, girandola un paio di volte. La temperatura elevata del forno a legna e a gas permette agli ingredienti di non bruciarsi e alla pizza di non “biscottarsi”, portando in tavola una vera pizza napoletana come in pizzeria!

 

 

CONSIGLI IMPORTANTI

  • Prima di iniziare, fai girare il gancio della planetaria con la sola farina all’interno della ciotola, questo permetterà di incorporare più aria e aiuterà la lievitazione. Se non hai la planetaria non preoccuparti! Puoi seguire sempre lo stesso procedimento, impastando  in una ciotola a mano per poi proseguire su una spianatoia.
  • La scelta delle farine è fondamentale nella riuscita dell’impasto, ti consigliamo una farina con W dai 260/350, farine comuni che trovi facilmente al supermercato.
  • Il sale uccide i batteri del lievito, quindi non mischiarli mai insieme e uniscili all’impasto sempre a distanza di tempo, come da procedimento.
  • Questo impasto ha una idratazione al 65%, molto simile a quello che mangiamo nelle migliori pizzerie.
  • L’olio bisogna aggiungerlo sempre alla fine, la sua vischiosità potrebbe compromettere, nelle fasi iniziali, la buona riuscita della preparazione dell’impasto.
  • Puoi utilizzare dai 2 gr ai 4 gr di lievito di birra, meno ne utilizzi e più digeribile sarà la pizza.
  • La lievitazione può variare tra le 12 e le 20 ore, ti consigliamo di fare l’impasto il giorno prima della pizzata, per ottenere un impasto a 20/24 ore, soffice e ad alta digeribilità. In inverno possiamo tenerlo in casa a temperatura ambiente, in estate consigliamo di utilizzare l’acqua dell’impasto fredda e tenerlo lontano da fonti di calore, per tutto il tempo della lievitazione.
  • Il peso dei panetti può variare rispetto alla grandezza della pizza desiderata. Noi consigliamo, per una pizza domestica, un peso dai 250 gr ai 280 gr.
  • Quando stendiamo la pizza, dobbiamo fare molta cautela per non rovinare la lievitazione, quindi utilizziamo i polpastrelli, poi ruotiamo i palmi per formare un disco.
  • Per il condimento scegliamo una mozzarella con poca acqua all’interno, in commercio vendono anche la mozzarella apposita per la pizza napoletana.