Forno a gas da esterno: guida completa alla scelta

Cuochi e pizzaioli amatoriali in molti casi preferiscono il forno a gas da esterno, per via dei suoi vantaggi in termini di comodità di utilizzo e versatilità delle cotture. Nella scelta del forno da esterno, bisogna infatti domandarsi quale tipo di strumento è il più funzionale alle nostre esigenze, cioè quello più adatto al tipo di uso che intendiamo farne.

Come abbiamo già visto in un altro articolo del nostro blog, i diversi tipi di forni (a legna, a gas o elettrico) offrono infatti differenti prestazioni, che riguardano sia la cottura dei cibi che le diverse modalità di utilizzo.

 

In questo articolo parleremo delle caratteristiche del forno a gas da esterno e capiremo quali sono i grandi vantaggi di questo strumento di cottura. Inizieremo parlando del funzionamento dei forni a gas in generale, approfondendo il discorso sulle prestazioni di cottura e sulle differenze tra i diversi tipi di forni a gas fra cui possiamo scegliere.

Proseguiremo vedendo quali sono i vantaggi di un utilizzo all’aperto del forno a gas, che riguardano principalmente la facilità di installazione e la comodità di utilizzo. Faremo poi una panoramica sui forni a gas per pizza da esterno Alfa, per considerare le diverse necessità di utilizzo e per guidare la scelta verso un forno in grado di soddisfare le esigenze di ciascun caso specifico.

Concluderemo infine con un riepilogo dei vantaggi del forno a gas da esterno e riassumendo i consigli che stiamo per fornire in questo articolo.

 

 

Come funziona il forno a gas

I forni a gas fanno la loro comparsa all’inizio del 1800, ma iniziarono a diffondersi solo alla fine dello stesso secolo, a seguito dell’avvio della produzione su larga scala. La loro massima diffusione si verificò a seguito del boom economico degli anni 50-60, quando ci fu un incremento notevole di abitanti nelle città piuttosto che nelle campagne.

Per questo motivo il forno a gas ebbe un’enorme diffusione, poiché la sua comodità di utilizzo, il risparmio di spazio e i minori vincoli di installazione vennero incontro alle esigenze della vita in città, dove è più difficile installare un forno a legna.

Approfondiamo ora il discorso sul funzionamento del forno a gas, seguendo tre punti principali:

  • Le comodità del forno a gas
  • La cottura nel forno a gas
  • Forni a gas tradizionali e forni a gas per pizza in acciaio

In questo modo comprenderemo il funzionamento di questo strumento di cottura, prima di spostare il discorso sul suo utilizzo all’aperto nel paragrafo successivo.

 

1 – Le comodità del forno a gas

Iniziamo riassumendo brevemente i vantaggi del forno a gas in generale, a prescindere se installato nella cucina interna oppure all’esterno.

I grandi vantaggi di comodità del forno a gas sono due:

  • La semplicità di utilizzo
  • La comodità di installazione

Questi vantaggi rappresentano i principali motivi che fanno preferire i forni a gas in molti contesti, sia domestici che professionali.

Per quanto riguarda il primo punto, intendiamo che il forno a gas è estremamente facile da usare, poiché basta impostare la temperatura e il bruciatore provvede a raggiungerla e mantenerla automaticamente. 

 

Il secondo punto riguarda invece il posizionamento molto semplice del forno, poiché occorre solo metterlo in un punto della cucina (interna o esterna) in cui è possibile collegarlo alla rete domestica del gas.

Se allacciarsi alle tubature del gas dovesse risultare complicato, è possibile collegare il forno ad una bombola, rimuovendo così ogni vincolo di installazione. Dovremo però sacrificare un po’ di spazio e avremo la necessità di ricaricare la bombola.

In entrambi i casi può essere molto utile il Kit Gas, che consiste nei diversi strumenti che permettono di collegare il forno alla rete o ad una bombola del gas.

 

2 – La cottura nel forno a gas

Il forno a gas ha un funzionamento molto semplice, basato sull’emissione di calore da parte di un bruciatore posto sotto la camera di cottura. Quest’ultima è costituita da una scatola metallica che si riscalda in maniera piuttosto omogenea in ogni sua parte, con la fonte di calore proveniente dal basso.

Un aspetto importante del funzionamento del forno a gas consiste nel fatto che una volta raggiunta la temperatura impostata il bruciatore consuma pochissimo combustibile per mantenerla. 

La distribuzione di calore nel forno a gas avviene per conduzione e per irraggiamento. La prima, consiste nel calore proveniente dal fondo del forno, che è esposto direttamente alla fiamma, mentre la seconda consiste nell’emissione di calore da parte di tutto il resto della camera di cottura.

 

Alcuni forni a gas possono includere la modalità ventilata grazie alla presenza di una ventola che causando un ricircolo di aria calda dentro il forno aumenta la cottura per irraggiamento, aiutando così a formare la deliziosa crosticina esterna sui nostri cibi.

Arrivando al punto che più ci interessa, per la cottura dei cibi possiamo dire che il forno a gas è uno strumento universale poiché riesce a raggiungere temperature piuttosto elevate e soprattutto a mantenerle piuttosto costanti. 

Il classico forno a gas domestico può superare i 300-350°C di temperatura, potendo quindi fornire molto più calore rispetto al forno elettrico. Paragonato invece al forno a legna, il forno a gas si avvicina a temperature elevatissime ma difficilmente può superare i 400-450°C. 

 

L’altra faccia della medaglia è rappresentata dalla sua estrema facilità di utilizzo, poiché la temperatura si imposta automaticamente e non dobbiamo preoccuparci di alimentare il fuoco, che oltre ad essere laborioso da gestire implica un maggiore impegno nella pulizia dei residui delle ceneri. 

Il forno a gas è quindi adatto per cuocere praticamente qualsiasi cosa. Per questo è diventata una delle soluzioni più diffuse all’interno delle nostre case, prima del sorpasso da parte del forno elettrico avvenuto negli ultimi decenni, grazie ai passi avanti nella tecnologia e nel risparmio energetico.

 

3 – Forni a gas tradizionali e forni per pizza Alfa

Il classico forno a gas domestico è indicato per la preparazione della pizza in teglia, per via dell’assenza del suolo refrattario. Per preparare la pizza al piatto nel forno a gas tradizionale è infatti necessario dotarsi di una pietra refrattaria aggiuntiva, da posizionare sul fondo del forno e sopra la quale infornare le nostre pizze. 

Se vogliamo dedicare il nostro forno a gas alla preparazione della pizza al piatto possiamo scegliere un forno a gas per pizza, uno strumento realizzato imitando la struttura del forno a legna e che ha il suolo composto da lastre in pietra refrattaria

Alfa si impegna da sempre nel migliorare costantemente la tecnologia dei forni per pizza, sia a livello professionale che per quanto riguarda gli strumenti dedicati alle nostre case. Negli anni abbiamo sviluppato diversi modelli di forno per pizza a gas (di cui parleremo in seguito), che sono dotati di un suolo refrattario su cui infornare le pizze al piatto ed hanno la cupola in acciaio.

Approfondiamo un attimo le innovazioni contenute nei forni Alfa, in modo da capirne meglio il funzionamento e chiarendo così i motivi delle loro straordinarie prestazioni. Parliamo di:

  • Brevetto Forninox™
  • Brevetto Flue System™
  • Kit Hybrid

Vediamo di cosa si tratta.

 

Brevetto Forninox™

Fatta eccezione per i forni a legna tradizionali, tutti i forni Alfa sono basati sulla tecnologia Forninox™, che gli consente di raggiungere straordinarie prestazioni termiche.

Essa consente di aumentare al massimo l’efficienza del forno, poiché le grandi proprietà termiche dell’acciaio insieme ad una miglior coibentazione trattengono il calore molto più a lungo all’interno della camera di cottura.

Questo vantaggio, non solo ci consente di ridurre i tempi necessari a raggiungere alte temperature, ma contribuisce anche ad abbattere il consumo di combustibile. Questa tecnologia ci consente di produrre dei forni a gas per pizza dalle grandi prestazioni, apprezzate da moltissimi professionisti in tutto il mondo.

 

Brevetto Flue System™

Una delle innovazioni Alfa più interessanti è il brevetto Flue System™, che consiste in un miglior efficientamento termico nella ventilazione.

Infatti, l’unione di ottimi materiali realizzativi e del costante studio per il miglioramento delle prestazioni termiche rende tutti i nostri forni a gas da esterno in grado di raggiungere i 500°C in poche decine di minuti

 

Kit Hybrid

La ricerca e sviluppo di Alfa ha inoltre prodotto la tecnologia del forno ibrido. Questa soluzione è resa possibile dall’accessorio Kit Hybrid, che può trasformare un forno a gas in acciaio Alfa in un forno a legna.

Il grande vantaggio del forno ibrido è che permette di scegliere quale forma di alimentazione usare per ogni singola cottura, a seconda delle necessità.

 

I vantaggi del forno per pizza a gas da esterno

Dopo aver visto i grandi vantaggi del forno a gas, spostiamo adesso l’attenzione sull’utilizzo all’aperto di questo strumento.

In un altro articolo del nostro blog, abbiamo già accennato alle differenze che ci sono tra il cucinare nella cucina interna o in quella esterna. In generale, esse riguardano principalmente:

  • La diversa disponibilità di spazio
  • I minori vincoli di installazione (soprattutto nel caso di strumenti di cottura mobili)
  • La possibilità di preparare il cibo restando insieme agli ospiti, vicino alla tavola all’aperto
  • La riduzione del problema dell’emissione di fumo, nel caso del forno a legna. 

Applicando i generici vantaggi della cucina all’aperto all’utilizzo del forno a gas, vediamo ora quali sono le principali caratteristiche che presenta tale soluzione di cottura esterna.

 

Esse riguardano tre aspetti fondamentali, che sono:

  1. Comodità di installazione
  2. Durata dello strumento
  3. Riduzione del pericolo di fughe di gas

Di seguito approfondiamo brevemente i vari punti.

 

1 – Comodità di installazione

Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente, l’installazione del forno a gas è estremamente comoda, poiché basta collegare il forno alla rete domestica oppure alla bombola.

Per l’installazione del forno a gas nella cucina esterna è esattamente la stessa cosa. Se intendiamo posizionare in modo permanente un forno a gas da esterno, possiamo farlo sfruttando la posizione delle tubature del gas

Ad esempio, una soluzione che di solito risulta piuttosto comoda è quando la cucina interna ha un accesso agli spazi esterni, poiché in questo caso la cucina esterna e quella interna possono condividere il muro in cui passano le tubature (che si possono collegare su entrambi i lati del muro a strumenti differenti).

Se però non intendiamo utilizzare la rete domestica, possiamo collegare il forno ad una bombola e in questo modo non avremo più vincoli di posizionamento per una soluzione fissa. La bombola è inoltre la soluzione ideale per chi preferisce un forno a gas per pizza mobile, dato che può essere staccata dal forno in ogni momento per facilitare il trasporto di entrambi.

 

2 – Durata dello strumento

Il forno a gas da esterno è inoltre molto resistente ed è in grado di durare mediamente più anni rispetto al forno elettrico, soprattutto all’aperto. L’assenza di componenti delicati e di particolari tecnologie lo rende più robusto e in grado di affrontare meglio l’esposizione alle intemperie.

La grande qualità dell’acciaio utilizzato per rivestire le cupole dei forni da esterno Alfa, rende i nostri strumenti in grado di durare per decenni, anche se costantemente esposti agli agenti atmosferici.

Un buon forno a gas da esterno è quindi un investimento che si ripaga nel tempo, poiché per durata può quasi competere con un forno a legna tradizionale, fatto a regola d’arte mattone su mattone.

 

3 – Riduzione del pericolo di fughe di gas

Il terzo grande vantaggio che non possiamo non citare parlando dei forni a gas da esterno riguarda la sicurezza, un aspetto troppo spesso sottovalutato. Uno dei motivi che negli ultimi decenni ha contribuito alla diffusione dei forni elettrici a scapito di quelli a gas è stato la possibilità di fughe di gas, che per quanto poco probabili, purtroppo a volte accadono.

Le conseguenze delle fughe di gas possono essere molto gravi. Il gas è piuttosto nocivo se inalato, ma avvertirlo con l’olfatto ci consente di prendere provvedimenti immediati, prima dell’aggravarsi della situazione.

L’aspetto più dannoso delle fughe di gas si verifica quando c’è una fuga che rimane aperta per molto tempo (ad esempio nelle seconde case, poiché restano vuote per molto tempo e non c’è nessuno che se ne accorge). Se il gas infatti riesce a concentrarsi molto nell’aria di una stanza, potrebbe esplodere a contatto con una fonte di calore, senza dare nessun preavviso.

Utilizzare il forno a gas all’aperto quindi ci consente di attenuare al minimo questo rischio, poiché anche nel caso di una fuga di gas, esso viene disperso nell’aria e non può quindi arrivare alla concentrazione necessaria a diventare pericoloso.

Dotarsi di un rilevatore di fughe di gas è comunque un buon consiglio quando si hanno a che fare con strumenti alimentati con tale combustibile, a maggior ragione se utilizzati all’interno delle mura domestiche.

 

I forni a gas Alfa

Avendo visto quali sono i vantaggi del forno a gas da esterno, passiamo ora ad un’analisi più dettagliata dei forni Alfa che rispondono a queste caratteristiche.

Fatta eccezione per One, il forno compatto Alfa, tutti i nostri forni a gas possono diventare ibridi, grazie al Kit Hybrid a cui abbiamo accennato alla fine del primo paragrafo.

Tutti i nostri forni a gas possono essere posizionati sia all’interno che all’esterno e, in entrambi i casi, contribuiranno ad arredare i vostri ambienti grazie ad uno stile deciso ed elegante.

Il design è infatti uno dei pregi dei forni Alfa, poiché unisce l’utilizzo di materiali di elevata qualità ad una forma che ne amplifica le prestazioni termiche, aggiungendo uno stile inconfondibile capace di arredare da solo un giardino intero.

I forni per pizza a gas Alfa sono:

  1. Stone Oven
  2. Brio
  3. Dolce Vita

Vediamoli un attimo più nel dettaglio.

 

1 – Stone Oven

Il forno gas Stone Oven è caratterizzato da un design estremamente elegante, grazie allo sportello in vetro, che è inoltre funzionale al controllo delle cotture poiché ci permette di guardare nel forno senza aprire lo sportello (un fattore che causa dispersione del calore dalla camera di cottura).

Anche se è il più piccolo tra i forni a gas Alfa, può tranquillamente sfamare una ventina di persone cuocendo due pizze contemporaneamente (o delle teglie con qualsiasi altra ricetta da forno). 

 

2 – Brio

Il forno per pizza a gas Brio può cuocere contemporaneamente due o tre pizze ed è la soluzione più versatile, grazie alla possibilità di personalizzare lo strumento in base alla situazione di utilizzo.

Esso infatti, oltre che essere disponibile in due colorazioni (rosso antico o grigio scuro), è disponibile nelle tre versioni:

  • Top (solo il forno, da posizionare su un piano)
  • Top + tavolo (forno insieme al tavolo multifunzione per pizza)
  • Top + base (forno con la sua base mobile su misura, per spostamenti molto facili).

Brio è profondo solo 76 cm, ma consente di sfornare pizze per più di 20 persone.

 

3 – Dolce Vita

Infine, il Dolce Vita è il più grande fra i nostri forni domestici a gas dedicati alla cottura della pizza all’aperto.

Con esso è possibile infornare 4 pizze contemporaneamente, mantenendo una temperatura costante intorno ai 500°C, che ci consente di cuocere la pizza in circa 60 secondi. Possiamo anche infornare fino a 4 kg di pane, oltre alla possibilità di creare tante altre ricette.

 

Perché scegliere un forno da esterno a gas Alfa

In questa guida abbiamo visto quali sono i grandi vantaggi dei forni a gas da esterno per pizza, che riguardano molti aspetti diversi.

Nel primo paragrafo abbiamo infatti parlato dei pregi dei forni a gas in generale (sia da interno che da esterno, tradizionali o per pizza). Essi consistono in una grande facilità di installazione, utilizzo e pulizia e sono adatti a cuocere praticamente ogni ricetta.

Abbiamo inoltre visto le differenze fra i forni a gas tradizionali e i forni a gas per pizza, parlando anche delle innovazioni tecnologiche sviluppate da Alfa.

 

Nel secondo paragrafo abbiamo invece focalizzato l’attenzione sull’utilizzo all’aperto del forno a gas, spiegando che questo strumento di cottura è molto adatto a questo scopo per via della sua facilità di installazione, della sua lunga durata anche se esposto alle intemperie e alla riduzione del pericolo derivante dalle fughe di gas.

 

Nel terzo paragrafo abbiamo approfondito i nostri forni a gas per pizza da esterno, spiegando le differenze fra i modelli Stone Oven, Brio e Dolce Vita.

 

La gamma di forni domestici Alfa può quindi rispondere alle diverse esigenze di chi vuole sfruttare al meglio i propri spazi esterni, utilizzando il gas come combustibile.

I nostri forni sono inoltre disponibili in soluzioni mobili e soprattutto in versione ibrida, quindi oltre a cuocere perfettamente a gas potremo sperimentare le cotture a legna.

Unendo grandi prestazioni, un design curato che arreda i nostri spazi e la comodità di spostamento ed utilizzo, con un forno a gas da esterno per pizza Alfa potremo avere a disposizione un grande strumento di cottura con cui raggiungere risultati da professionista.