Cinque idee per la cucina da esterno a cui non avevi pensato

Quando parliamo di arredare gli spazi all’aperto, come un terrazzo o un patio in giardino, possiamo prendere spunto da un’infinità di idee per la cucina da esterno che si possono vedere su internet o che ci consigliano i professionisti del settore.

Nel nostro blog abbiamo già trattato l’argomento della cucina esterna da un punto di vista più culinario, spiegando come sfruttare i vantaggi della cucina all’aperto. Questa volta, vogliamo considerare maggiormente l’aspetto dell’arredamento degli esterni e del design della cucina all’aperto, per cercare di fornire una panoramica completa dei tanti aspetti coinvolti nella progettazione di una cucina esterna bella e funzionale.

Per valorizzare al massimo i nostri spazi esterni è importante considerare molti fattori, che possono avere diversa importanza a seconda dei casi specifici. In base alle possibilità si potranno infatti scegliere diverse opzioni per sfruttare gli spazi all’aperto in maniera differente, secondo l’uso che se ne intende fare.

 

In questo articolo vedremo diverse idee per una cucina da esterno, per spiegare concretamente le differenze tra le diverse soluzioni possibili per l’allestimento di un zona dedicata alle cotture all’aria aperta.

Inizieremo spiegando quali sono le diverse soluzioni per allestire una cucina esterna, che dipendono da vari fattori come la scelta del tipo di ambiente, il tipo di strumenti di cottura che si vuole utilizzare e i diversi impieghi di spazio e budget.

Dopo aver chiarito le variabili su cui si basa la scelta del design degli spazi esterni, accenneremo alla grande capacità di arredare dei forni Alfa prendendo come esempio cinque idee per una cucina da esterno che rispondono a diverse esigenze, in modo da fornire spunti finalizzati ad orientare la scelta sulla soluzione migliore.

Concluderemo infine con un quadro riassuntivo utile per scegliere la miglior soluzione per allestire la cucina esterna in maniera efficiente, cioè con un’ottima gestione degli spazi e con gli strumenti di cottura che fanno al caso nostro.

 

Come allestire la cucina da esterno

L’enorme varietà di idee per una cucina da esterno a cui possiamo pensare è frutto di infinite combinazioni fra i diversi parametri in grado di orientare la scelta.

Per capire come arredare la nostra cucina all’aperto dobbiamo innanzitutto considerare tre parametri principali, che sono:

  • La scelta del tipo di ambiente
  • La scelta degli strumenti di cottura
  • La disponibilità di spazio e budget

Vediamo in cosa consistono i diversi aspetti elencati.

 

 

La scelta del tipo di ambiente

Il tipo di ambiente da creare è l’aspetto che più di tutti riguarda il design e l’abilità di arredare gli spazi, un fattore talmente importante da spingere molte persone ad affidarsi a professionisti specializzati in questo campo.

A tal proposito, abbiamo citato la capacità di arredare gli ambienti  tra i nove motivi per scegliere un forno a legna da esterno Alfa.

Iniziamo introducendo la prima importante distinzione tra i diversi tipi di cucina da esterno fra cui possiamo scegliere, ovvero:

  • Cucina da esterno modulare
  • Cucina fissa scoperta da esterno
  • Cucina fissa coperta da esterno

Approfondiamo le differenze fra le tre diverse soluzioni.

 

 

1 . Cucina da esterno modulare

La prima soluzione che prendiamo in esame è quella sicuramente più versatile e meno impegnativa, sia a livello di spazio che di budget.

Parliamo della cucina da esterno modulare, cioè una cucina composta da diversi strumenti separati tra loro che si possono integrare in vari modi, in base a cosa vogliamo cucinare e alle geometrie dei nostri spazi.

Questa soluzione ci consente di realizzare una cucina funzionale in poco spazio, adattandosi sia alle necessità culinarie che ai vincoli di installazione, anche grazie all’utilizzo di strumenti di cottura mobili.

La cucina da esterno modulare è spesso configurata come un mix tra strumenti fissi e mobili, ad esempio posizionando un lavandino e un piano da lavoro come strumenti fissi e un forno per pizza in acciaio oppure un barbecue come strumenti mobili.

Questo tipo di soluzione è molto diffusa specialmente nei casi in cui non abbondano lo spazio e il budget disponibili, perché è possibile iniziare a sfruttare gli spazi esterni anche con un solo strumento di cottura.

Sarà possibile in seguito scegliere se dotarsi anche di altri strumenti, fino ad avere una cucina da esterno completa di tutto, che possa però essere allestita solo quando la utilizziamo e con gli elementi che ci interessano.

 

 

2. Cucina fissa scoperta da esterno

La seconda soluzione che prendiamo in esame è quella della cucina esterna scoperta, che prevede cioè l’installazione fissa degli strumenti di cottura senza una copertura permanente.

Questo tipo di allestimento è specialmente indicato nei casi in cui si può sfruttare la parete della cucina interna anche per l’installazione degli strumenti esterni.

É infatti molto comune che un accesso al terrazzo o al giardino sia attraverso una porta-finestra della cucina interna, poiché quest’ultima è spesso la stanza più vissuta della casa.

L’installazione della cucina esterna proprio ad un passo da quella interna ci è utile sia per una sinergia nelle cotture che possiamo fare fra i due ambienti, sia per raggiungere più facilmente le tubature del gas, gli scarichi dell’acqua e le prese di corrente.

Questi sono aspetti strutturali fondamentali per l’installazione di una cucina esterna, poiché saremo facilitati nei lavori di installazione, avendo tutti i collegamenti necessari in poco spazio.

 

 

3 . Cucina fissa coperta da esterno

L’ultima opzione che possiamo scegliere per arredare la nostra cucina esterna è quella più completa, ovvero una cucina fissa coperta. Essa necessita non solo degli accorgimenti strutturali che abbiamo visto nel punto precedente, ma prevede anche l’installazione di una struttura in grado di fornire riparo dall’umidità e dal forte sole estivo

Un bel gazebo o un pergolato possono riparare sia la zona dedicata alle cotture che il tavolo e le sedie su cui si andrà a consumare il pasto, per avere tutto a portata di mano e godersi l’arietta estiva comodi e all’ombra.

La copertura della cucina può essere più o meno aperta e basata su diversi tipi di strutture. Possiamo infatti scegliere fra grandi strutture che possono installare anche le pareti mobili, per creare una vera e propria stanza in più da utilizzare anche in inverno, oppure una copertura molto più snella.

Infine, questo tipo di soluzione è quella più impegnativa sia a livello di costi che come impiego di spazio, ma è anche quella che ci può consentire di valorizzare al massimo i nostri ambienti, contribuendo ad un lieve aumento del valore dell’immobile.

 

La scelta degli strumenti di cottura

La seconda variabile da prendere in considerazione per allestire una cucina esterna riguarda la scelta degli strumenti di cottura.

A seconda del tipo di alimentazione che sceglieremo per il forno, il barbecue o la griglia, avremo infatti non solo differenti necessità di installazione, ma anche diverse possibilità culinarie, basate sui tipi di cotture che potremo o non potremo fare nella nostra cucina esterna.

 

Nel nostro blog abbiamo più volte accennato ai vari combustibili, ad esempio parlando delle differenze fra legna, gas o corrente elettrica

Per quanto riguarda i forni, possiamo riassumere le caratteristiche delle tre alimentazioni nel seguente modo:

  • Il forno a legna è più difficile da usare, ma è l’unico che fornisce alle pietanze l’aroma del combustibile. É il forno che presenta i maggiori vincoli di installazione nelle cucine interne, per via della necessità di una canna fumaria importante, ed è per questo che è molto più diffuso nelle cucine all’aperto. Grazie alla fiamma viva è inoltre quello che riesce meglio a creare un’atmosfera conviviale, aggiungendo un forte richiamo alla tradizione
  • Il forno a gas è invece molto facile da usare e può essere installato comodamente, grazie alla possibilità di scegliere se collegarlo alla rete domestica oppure ad una bombola
  • Infine, il forno elettrico è quello dall’installazione più facile (poiché basta attaccare la spina ad una presa) e dalla maggior versatilità nelle cotture, ma è anche quello meno adatto a stare all’aperto, per via dell’esposizione all’umidità di componenti più sensibili rispetto agli altri due tipi di forni.

Avendo visto quali sono le caratteristiche delle tre alimentazioni principali, accenniamo anche alle possibilità offerte dal forno ibrido.

 

Questo strumento di cottura è un forno a gas che può ospitare al suo interno un fuoco di legna, consentendoci quindi di scegliere quale combustibile utilizzare di volta in volta.

La sua struttura è basata sui forni a gas in acciaio Alfa, che vengono dotati del kit hybrid, uno speciale coperchio per il bruciatore che rende possibile utilizzare il forno a gas come un forno a legna.

Le caratteristiche dei diversi strumenti di cottura possono rispondere ad esigenze diverse, che riguardano il tipo di ricette che si vuole realizzare, i diversi gradi di versatilità degli strumenti e i differenti vincoli per l’installazione.

 

 

La disponibilità di spazio e budget

Passiamo  adesso alla terza variabile fondamentale nella scelta dell’allestimento della cucina esterna, ovvero lo spazio e il budget che vogliamo investire.

Questi due fattori sono di solito proporzionali fra loro, poiché una cucina più grande può ospitare più strumenti e necessita di lavori di realizzazione più impegnativi.

Per attenuare il problema dello spazio limitato, di solito si scelgono strumenti di cottura mobili, in modo da poterli utilizzare solo quando ci servono e riporli facilmente, senza impiegare spazio in modo definitivo.

Passando al discorso dei costi, dobbiamo considerare che la spesa complessiva è data dalla somma del prezzo degli strumenti di cottura, della manodopera per i lavori, degli arredi e degli accessori. Più la cucina sarà grande e completa di tutti i comfort, più sarà costosa.

 

È tuttavia possibile allestire grandi cucine esterne senza spendere un patrimonio, come è anche possibile il contrario, cioè sfruttare un piccolo spazio esterno per installare strumenti di cottura dalle prestazioni professionali e una copertura di ottima qualità, che quindi richiederanno un investimento maggiore.

Avendo visto quali sono i parametri su cui basare la scelta del tipo di cucina esterna, possiamo ora contestualizzare meglio gli esempi che stiamo per illustrare.

Parleremo di cinque idee per una cucina da esterno, mostrando le scelte migliori in base ai vari tipi di ambienti (cucina modulare, cucina scoperta e cucina coperta), ai diversi tipi di strumenti di cottura (a gas, a legna e ibrido) e ai diversi impieghi di spazio e budget.

In questo modo cercheremo di fornire un quadro completo delle diverse opzioni fra cui possiamo scegliere, in modo da farci un’idea per una cucina all’aperto funzionale alle nostre esigenze.

 

 

Cinque idee per una cucina da esterno

Le cinque soluzioni che andiamo a proporre rispondono a diverse esigenze ed hanno l’obiettivo di guidarci nelle considerazioni da fare sulle scelte dell’allestimento e degli strumenti di cottura della cucina esterna, diverse in ogni caso specifico.

Iniziamo subito elencando le cinque idee per la cucina esterna:

  • Pizza al piatto in pochissimo spazio
  • Piccola cucina fissa sul terrazzo
  • Cucina modulare a legna
  • Per gli amanti della tradizione
  • Cucina coperta completa

I bisogni e le soluzioni sono molto variegate, proprio per consentirci di fare un confronto completo. Andiamo ad approfondire le diverse proposte.

 

 

1. Pizza al piatto in pochissimo spazio

Iniziamo dal caso di chi ha davvero pochissimo spazio, ad esempio un balcone o un giardino di pochi metri quadri, magari perché vive vicino al centro di una grande città.

Spesso in questi casi le cotture a legna sono purtroppo da evitare, per non infastidire i vicini che potrebbero lamentarsi del fumo abbondante.

Se però non si vuole rinunciare alla preparazione di una pizza al piatto cotta ad alta temperatura, la soluzione per la cucina esterna può essere un forno a gas mobile di dimensioni contenute.

Il più piccolo forno Alfa è One, capace di raggiungere i 500°C in 30 minuti e di cuocere ottime pizze, una alla volta. È estremamente comodo da montare e spostare, grazie al peso e alle dimensioni contenuti. 

 

One è inoltre l’unico forno a gas Alfa che non è dotato della tecnologia per diventare ibrido, proprio a causa delle dimensioni troppo ristrette.

La versione a gas può essere collegata ad una bombola per essere un forno mobile, ma se le tubature della rete domestica risultano in posizione comoda possiamo anche predisporre un allaccio esterno a cui collegare il forno quando vogliamo utilizzarlo, evitando così di sacrificare altro spazio per la bombola e di doverci preoccupare che sia piena di combustibile.

Se invece vogliamo cuocere a legna perché ci troviamo ad usare il forno in una posizione in cui non infastidisce nessuno, la migliore soluzione potrebbe essere quella di un forno mobile ibrido non molto grande, per avere la possibilità di scegliere il combustibile.

 

Un ottimo esempio può essere Brio, il forno ibrido dalla capienza di due o tre pizze

Se il gas non ci interessa e il nostro spazio è davvero piccolo, potremo optare per One alimentato a legna

Avendo poco spazio a disposizione all’aperto, bisognerà organizzarsi per preparare i cibi nella cucina interna e fare all’esterno solo la cottura, per poi riportare dentro le pizze cotte e servirle a tavola.

 

 

2. Piccola cucina fissa sul terrazzo

Vediamo la seconda idea per una cucina esterna, sempre pensata per chi non ha molto spazio, ma che vuole posizionare la cucina esterna in modo fisso. Questo di solito avviene sfruttando una parete della cucina interna, sia per risparmio di spazio che per comodità nel raggiungere i tubi del gas e gli scarichi dell’acqua.

In questo caso possiamo scegliere un forno ibrido fisso come Stone Oven, che ci consentirà di cuocere comodamente a gas (senza bombola) ma ci permetterà anche di sperimentare le cotture a legna.

Questo tipo di soluzione comprende di solito un lavandino e un piano da appoggio allineati con il forno lungo la parete, proprio di fronte al tavolo con le sedie, andando ad occupare in totale non molti metri quadri.

 

 

3. Cucina modulare a legna 

Il terzo esempio di cucina esterna che proponiamo riguarda invece chi intende cuocere a legna, ad esempio perché nella cucina interna ha già un ottimo forno a gas oppure elettrico.

Anche la cucina modulare può condividere una parete della casa, sia per i motivi strutturali accennati nel punto precedente, sia per avere un accesso più immediato, ma è anche possibile realizzare una zona dedicata alle cotture all’aperto in un altro punto degli spazi esterni (se sufficientemente grandi).

Come abbiamo visto all’inizio dell’articolo, la cucina modulare si caratterizza per la possibilità di aggiungere delle componenti in sequenza, in maniera fissa, mobile o più spesso un mix fra i due.

I forni a legna mobili Alfa dalla capienza maggiore sono i modelli 4 pizze e Allegro, che come tutti i nostri forni hanno grandi prestazioni di cottura e un design capace di arredare gli ambienti.

 

 

4. Per gli amanti della tradizione

La quarta proposta da considerare è dedicata agli amanti della tradizione che hanno  sufficiente spazio in giardino per posizionare un forno a legna tradizionale.

Questo strumento di cottura è in grado di catturare l’attenzione e stimolare la convivialità come nessun altro tipo di forno, grazie al suo forte richiamo alle tradizioni contadine e alle ricette della nonna.

Anche se siamo diventati pionieri dei forni in acciaio, noi di Alfa non abbiamo mai smesso di studiare i migliori materiali refrattari per realizzare forni a legna tradizionali dalle grandi prestazioni.

Questi possono essere murati insieme ad una cucina esterna completa, oppure possono essere uno strumento fisso a sé stante (magari parte di una cucina esterna modulare).

 

5. Cucina coperta completa

L’ultima delle idee per una cucina da esterno che vi proponiamo riguarda una cucina esterna completa ed è dedicata quindi a chi ha abbastanza spazio e vuole fare un investimento più importante, per avere però una vera e propria stanza in più da godersi in estate.

 

Per essere completa, una cucina esterna include oltre al lavandino e ad un piano di lavoro almeno due o tre strumenti di cottura fissi, da selezionare in base al combustibile che si intende utilizzare.

Se si intende sfruttare la rete domestica del gas per una maggiore praticità nelle cotture e non ci interessa cuocere a legna, si potranno scegliere un forno e dei fornelli a gas come strumenti fissi, a cui magari aggiungere un barbeque o una griglia a carbonella come strumenti mobili.

 

Nel caso contrario, possiamo scegliere di dedicare le cotture a strumenti a legna, installando un forno tradizionale o un forno a legna in acciaio abbastanza capiente, insieme ad una griglia oppure un barbecue fissi.

Anche in questo caso però la soluzione più versatile è sicuramente quella di un forno ibrido come il Dolce Vita, che ci consente di cuocere sia a legna che a gas indipendentemente dal fatto che portiamo gli allacci del gas nella cucina esterna oppure no (grazie all’utilizzo della bombola).

 

La cucina completa infine è caratterizzata dalla realizzazione di una copertura più importante rispetto agli altri esempi che abbiamo fatto, sia in termini di dimensioni che in termini qualitativi (materiali più resistenti alle intemperie e struttura più robusta), in modo da proteggere più efficacemente il nostro investimento sulla cucina esterna completa.

Le cinque idee per una cucina esterna che abbiamo visto possono aiutarvi a decidere come sfruttare al meglio i vostri spazi, considerando il tipo di cotture che volete realizzare e i diversi impegni economici necessari.

 

Come arredare la cucina esterna grazie al design dei forni Alfa

I forni Alfa possono contribuire notevolmente all’arredamento di qualsiasi tipo di cucina all’aperto, grazie alla grande cura del design dei nostri strumenti di cottura.

In particolare i nostri forni in acciaio, sia a legna che a gas, possono vantare una capacità di comunicare istintivamente l’armonia fra tradizione ed innovazione, grazie all’unione del fuoco sulla pietra refrattaria con la cupola metallica.

 

L’ampia gamma di forni da esterno consente di trovare un forno Alfa perfetto per ogni diversa situazione di utilizzo. Abbiamo infatti preso ad esempio cinque diverse idee per una cucina da esterno, trovando il forno giusto per rispondere alle diverse necessità.

 

La prima parte dell’articolo, in cui abbiamo visto i parametri da considerare per allestire la cucina esterna, ci è servita per comprendere le scelte effettuate in base al contesto e alle caratteristiche degli strumenti di cottura che abbiamo citato.

Abbiamo quindi abbinato gli strumenti di cottura giusti alle diverse situazioni proposte, contestualizzando le scelte sul tipo di ambiente (cucina modulare, fissa coperta o scoperta), sul tipo di combustibile (gas, legna o entrambi) e con diverso impegno di spazio e budget.

 

Grazie a molti anni di duro lavoro nella ricerca dell’eccellenza, Alfa è oggi un marchio molto noto nel campo del design e dell’arredamento degli spazi esterni, grazie alla presenza importante e ai grandi risultati culinarie che vantano i nostri forni. 

Possiamo anche vantare una collaborazione con Barts Outdoor Kitchen, un’azienda di design olandese specializzata nella realizzazione di cucine modulari in cemento, oltre a collaborare con parecchi professionisti tra designer, architetti e arredatori, ai quali proponiamo anche servizi specializzati (come la condivisioni di rendering 3D degli spazi dei clienti arredati con i nostri forni) e una scontistica dedicata.

 

Per provare la grande considerazione che hanno i nostri forni nell’ambito dell’arredamento d’esterni, possiamo inoltre proporvi un articolo di pianetadesign.it (un sito di riferimento fra i professionisti del settore) che parla dei forni da esterno Alfa. I nostri forni rappresentano quindi la giusta soluzione per sfruttare gli spazi esterni, poiché sono ottimi strumenti di cottura in grado di arredare ogni tipo di cucina esterna.